✔ aggiornato il
Importanza dell'illuminazione in acquario di acqua dolce: fondamentale per piante e pesci, che non dimenticare hanno bisogno anche del buio
Importanza dell'illuminazione in acquario

L'illuminazione in acquario è particolarmente importante per la vita dell'ecosistema che si viene a creare, e va gestita bene.
Buio incluso: sia le piante, che i pesci, hanno anche bisogno del buio, dell'oscurità, della penombra, quando desiderano riposare: non dimenticare mai di gestire anche questo aspetto.

  1. Correlazione piante e illuminazione
  2. Le lampade per acquario

Correlazione tra piante e illuminazione in acquario di acqua dolce

Senza la corretta illuminazione, le piante non possono dare vita al processo di fotosintesi, e quindi destinate a perire.

Le piante tropicali che coltivi nel tuo acquario, anche se arrivano da colture idroponiche e quindi in cattività da generazioni, conservano comunque tutto il patrimonio genetico dei genitori.

Sono piante che indicativamente necessitano di una buona, intensa illuminazione, ed anche piuttosto prolungata: periodi inferiori alle 10/11 ore giornaliere non sono da tenere in considerazione, se vuoi che le piante possano crescere rigogliose.

La stessa importanza che la luce ha sulla vita delle piante, lo ho anche sui pesci: ovviamente in misura diversa, ma anche per questi è importante, per poter vivere bene.

Armonia tra pesci e piante anche grazie alla corretta illuminazione

Pesci e piante hanno le loro specifiche esigenze di luce, intensità e durata dell'illuminazione, fabbisogno di sostanze nutritive, acqua con determinati valori chimico fisici, etc.

Le piante rendono la vasca un vero e proprio piccolo biotopo che ospita i pesci.

Per scegliere le giuste lampade per il tuo acquario, devi conoscere bene le esigenze specifiche delle piante che coltivi, e dei pesci che allevi.

Le lampade per acquario di acqua dolce

Le lampade impiegate per l'utilizzo in acquario, vengono definite lampade a scarica.

Sono speciali tipi di lampade, in cui il vetro che funge da involucro, contiene il gas, ed almeno due elettrodi cui spetta il compito di generare la scarica.

Il gas contenuto all'interno della lampada, viene ionizzato (l'aggiunta o la rimozione di elettroni da luogo alla ionizzazione), grazie alle radiazioni elettromagnetiche.

Le tradizionali e consolidate lampade al neon specifiche per l'acquariofilia, sono offerte ad un prezzo abbordabile dal mercato, hanno una lunga durata, un consumo energetico abbastanza contenuto, e sono da sostituire mediamente dopo 1.200 ore.

Sostituzione delle lampade

Però, quando è necessaria la loro sostituzione, mai sostituire tutte le lampade presenti tutte insieme; ma solo una alla volta ad intervalli regolari, per evitare bruschi cambiamenti dell'intensità luminosa, che provocherebbe stress notevole a pesci e piante.

Ricorda che l'intensità luminosa, che in lampade vecchie viene meno, ad occhio umano non si distingue, quindi esegui la sostituzione periodica come indicato dal produttore, riguarda la durata ottimale della lampada.

Spettro luminoso delle lampade per acquario di acqua dolce

Le lampade, vengono proposte con differenti spettri luminosi, per soddisfare le esigenze di ogni acquario.

Devi tenere presente, che una lampada per acquario di acqua dolce, dovrà avere uno spettro luminoso che rientri tra i 3.000 e 6.500 Kelvin (unità di misura che rileva le diverse colorazioni dello spettro luminoso).

È assolutamente importante scegliere le giuste lampade, per evitare di far proliferare le alghe indesiderate nella vasca.

Un'errata illuminazione infatti, può rivelarsi deleteria e disastrosa.

Se decidi di allestire un acquario scoperto, esistono delle plafoniere per ospitare le lampade, ma tieni conto di una maggiore dispersione della luce.

Illuminazione in acquario scoperto

In un acquario coperto, l'intensità dell'illuminazione viene sfruttata in modo ottimale, ma con acquario scoperto il discorso cambia.

Esistono le lampade a vapore di mercurio (HQL), che hanno costi più elevati dei tubi al neon.

Hanno una durata maggiore, ma un consumo energetico più dispendioso, ed una resa luminosa inferiore, a parità di Watt, rispetto ai tubi al neon, anche se è possibile acquistare una lampada HQL di potenza superiore per consentire di avere una resa ottimale dell'illuminazione.

Ci sono poi le lampade HQI (a vapori di alogenuri metallici) che offrono un buon connubio tra intensità luminosa e dispendio energetico; sono però piuttosto costose.

Anche le lampade a LED sono interessanti, e meritano di essere valutate.

Io, che sono della vecchia scuola, sono rimasto onestamente affezionato alle lampade al neon, che sono migliorate notevolmente rispetto agli albori, e sono in grado di offrire un ottimo rapporto qualità/prezzo, anche in termini di resa luminosa e consumo energetico.

 

Felice Amadeo

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it dai il tuo contributo.
PayPal.me af1it

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi dare un contributo, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

Top