✔ aggiornato il
Il filtraggio con farina di diatomee fossili trattiene tantissime impurità dell'acqua, tutte quelle superiori al micron, tra cui la grandissima maggioranza di batteri nocivi a pesci e piante
Il filtraggio con farina di diatomee fossili trattiene tantissime impurità dell'acqua

Il filtraggio con la farina delle diatomee fossili è un prezioso alleato per mantenere un'alta qualità dell'acqua in acquario di acqua dolce.
È possibile ottenere un'acqua molto pulita, cristallina, non solo dal punto di vista visivo, bensì e sopratutto da quello biologico.

  1. Filtro con farina di diatomee fossili
  2. L'alta capacità filtrante
  3. L'alta qualità dell'acqua trattata

Filtro con farina di diatomee fossili

Il filtro che utilizza come elemento filtrante le diatomee fossili, o meglio la farina delle diatomee fossili, ottenuta dalla loro polverizzazione, si rivela particolarmente utile nella gestione dell'acquario di acqua dolce.

Nel lontano 1994, questo filtro, esterno in quanto va utilizzato ogni tanto, lo avevo pagato la bellezza di 420.000 delle vecchie lire.

Decisamente costoso, ma si è sempre rivelato un più che prezioso alleato quando avevo vasche colme di piante, dalla crescita rigogliosa e abbondante.

Si tratta di un semplice filtro esterno, collegabile e scollegabile ogni qualvolta ve ne sia la necessità.

Il suo lavoro dura circa 24 ore, dopodiché l'elemento filtrante è da ripulire perché saturo. Contiene un sacchetto di cotone composto da una trama piuttosto fine, e nel cilindro del filtro andiamo ad inserire la farina.

Le diatomee in questione sono alghe unicellulari, i cui sedimenti sono ritrovabili in diverse parti del globo terrestre.

La farina fossile e la sua alta capacità filtrante

La farina fossile ottenuta dalla polverizzazione ed il suo utilizzo con questo filtro, detiene un notevole potere filtrante, capace di trattenere impurità superiori al micrometro (fino a pochi anni fa si usava dire micron), ovvero un millesimo di millimetro.

Dato che molti dei batteri nocivi ai pesci, sono superiori al micron come dimensioni, è possibile grazie all'utilizzo di questo filtro andare a depurare l'acqua in modo del tutto naturale, grazie ad una finissima filtrazione dell'acqua stessa.

Senza utilizzare medicinali, o altri agenti disinfettanti, che non andrebbero mai utilizzati nella vasca principale, ma solo in quella di quarantena, completamente spoglia.

Questo perché, se si dovesse utilizzare un farmaco, un battericida, all'interno della vasca, andrebbe a distruggere anche la flora batterica utile, non solo quella dannosa.

Di conseguenza, la vasca resterebbe priva del suo cuore filtrante, che andrebbe ricostruito, con tempo e pazienza; meglio evitare.

Questo tipo di filtraggio non ha alcun tipo di controindicazione, e può essere usato anche spesso.

Il costo è elevato, come per il filtro denitratore del resto. Costa parecchio anche sia la farina fossile, tuttavia il suo utilizzo così prolungato nel tempo, ammortizza la spesa.

Alta qualità dell'acqua trattata

Se rientra nella spesa che intendi fare, l'utilizzo di questo filtro, ammortizza il costo nel tempo a tutto vantaggio di un'ottima qualità dell'acqua.

Questo filtro ha la capacità di rendere l'acqua cristallina come poche volte capita di vedere, ed hai la certezza che preleva, grazie al suo particolare filtraggio, grandissima parte delle impurità nocive o potenzialmente nocive per i pesci, e si rivela anche un prezioso aiuto nella prevenzione delle alghe.

Si tratta di uno dei metodi migliori, tanto per l'aspetto biologico, quanto per quello fisico, di depurare l'acqua e mantenerla sana, a tutto vantaggio della salute di pesci e piante.

Utilizzo del filtro

  1. Il suo utilizzo è semplicissimo: all'interno del filtro vai a depositare sul fondo circa 2 cucchiai da tavola di farina fossile;
  2. successivamente chiudi il filtro con il suo coperchio, dove sono collegati due tubi con i relativi raccordi:
    uno di entrata e l'altro di uscita dell'acqua proveniente dall'acquario;
  3. il filtro va posizionato in basso rispetto alla vasca, così che l'acqua proveniente dall'acquario sia inizialmente libera di cadere nel filtro;
  4. una volta che il contenitore del filtro si è riempito di acqua, chiudi i rubinetti dei tubi collegati, colleghi la presa elettrica nella corrente, ed il motore del filtro si metterà in funzione;
  5. a questo punto fai circolare l'acqua esclusivamente all'interno nel filtro, in un primo momento, questo va a distribuire in maniera uniforme la farina fossile sulle maglie dell'elemento in cotone filtrante presente nel contenitore, operazione che richiede qualche minuto;
  6. poi l'acqua all'interno del filtro risulterà limpida, e la farina fossile si sarà distribuita in maniera omogenea sull'elemento filtrante;
  7. a questo punto devi chiudere il rubinetto che permette all'acqua di circolare solo nel filtro, ed aprire i rubinetti dei tubi di entrata e di uscita dell'acqua che proviene dalla vasca, di modo che funzioni, né più né meno, come un qualunque filtro esterno.

Il particolare effetto doccia del rubinetto di uscita dell'acqua filtrata

Il tubo di uscita, che va a reinserire nella vasca l'acqua filtrata e pulita, all'estremità è munito di una sorta di aggeggio simile a quello della doccia.

Questo permette all'acqua di uscire in tanti piccoli getti che andranno a creare, grazie al loro lieve ma costante movimento, una buona quantità di ossigeno nell'acqua che contribuirà a pulire l'acqua ed anche tutto ciò che risulta presente nell'acquario; le foglie delle piante, le rocce, i legni, etc.

Grazie all'effetto molto fine delle piccolissime bolle prodotte, queste creano una sorta di pulitura abrasiva ma molto delicata, che toglie eventuali sedimenti e impurità su tutto quanto è contenuto nella vasca.

 

Felice Amadeo

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it dai il tuo contributo.
PayPal.me af1it

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi dare un contributo, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

Top